Si è chiuso in questi giorni la novantaseiesima edizione di Pitti Uomo 2019, evento cult della moda del gentleman contemporaneo. Un’ occasione unica per avere anticipazioni sui trend più cult delle prossime stagioni.

Alla Fortezza da Basso di Firenze hanno sfilato i mostri sacri della moda ma anche blogger e fashion victim che non si sono risparmiati di apparire con capi eleganti ed eccentrici.

Se lo stile streetwear e pop ha invaso le passerelle ormai da qualche anno, è ora il momento del tailoring. Capi sartoriali e abiti formali sono stati l’elemento caratterizzante questa edizione di Pitti Uomo 2019.

Il ritorno dell’abito sartoriale e dell’attenzione al dettaglio che solo un capo su misura sa darvi è stato preponderante.

I trend

Anche l’abito elegante da uomo può essere ispirato ad un certo stile o trend, per i volumi ed i colori che lo contraddistinguono. Si deve apprezzarne ogni dettaglio che lo caratterizza per capirne a pieno l’essenza e l’occasione in cui poterlo indossare.

E’ il caso dell’abito vintage, che in questa edizione di Pitti Uomo, ha mostrato le combinazione di colori e tessuti intramontabili per uno stile che non passa mai di moda.

L’abito in lino un po’ stropicciato è monopetto ma anche doppio petto, in alcuni casi ricalcando lo stile anni ’90 piuttosto.

Anche l’abito da uomo in cotone si è mostrato nelle sue varianti più giocose e divertenti, dai colori pastello come l’azzurro e il verde, ma anche a righe per un look più fresco.

Largo quindi ad abiti dal gusto vintage, camicie in seta e accessori retrò, come occhiali tartarugati o cravatte con microfantasie.

Moda Uomo Estate 2020

Le tonalità che meglio hanno espresso i look di questa edizione di Pitti Uomo 97 per la moda Primavera-Estate 2020 sono senza dubbio i colori della terra come il marrone ed il verde in tutte le sue tonalità, giocate anche in chiave color-block. Sapientemente bilanciate invece sono le fantasie: da prendere con le pinze se non si è sicure su come accostarle.


Camicia e cravatta sono l’abbinamento d’ordinanza per chi vuole apparire sempre elegante. La cravatta abbinata ad una bella camicia è sicuramente sinonimo di eleganza, facendo trasparire anche una certa professionalità in ambienti lavorativi e più formali. Questo accessorio può avere variabili da non sottovalutare, come la scelta del tessuto, del colore, della fantasia o dell’ampiezza della pala…la cravatta insomma è un accessorio elegante che pian piano si sta facendo strada nel guardaroba anche in abbinata ad outfit più casual…
Per tutti coloro che desiderano avere sempre uno stile inappuntabile, di seguito alcuni consigli per non cadere in banali errori di abbinamento camicia-cravatta.

Partendo dalla camicia non trascurate di farvi realizzare una camicia su misura, soprattutto per avere un’ottimale vestibilità del collo, in cui il colletto lo cinge a pennello sotto ad una cravatta. Mai lasciare sbottonato il colletto della camicia sotto la cravatta!
La scelta della cravatta, come quella della camicia, deve essere ponderata in relazione alle proporzioni di chi la indossa, all’occasione d’uso, la stagione, colori e tessuti dell’outfit. Le caratteristiche di una cravatta, da bilanciare con la camicia sono: colore, tessuto, ampiezza della pala, tipologia di nodo che si andrà a fare.

Come abbinare una cravatta in base al colore della camicia

L’abbinamento camicia-cravatta passa anche attraverso l’accostamento di colori. Di seguito un rapido vademecum accostare i colori di questi due accessori al meglio.

CRAVATTA COLORI NEUTRI CON CAMICIA

Le cravatte dai colori neutri come il beige, il grigio o l’azzurro, siano esse tinta unita, a righe o micro-fantasie devono essere combinate con camicie classiche: bianche, azzurre oppure millerighe che riprendono i colori della cravatta stessa. L’accostamento perfetto sarebbe inteso come uno stesso colore giocato su differenti nuance, ad esempio cravatta blu e camicia azzurra, marrone e beige, verde chiaro e verde sottobosco.

CRAVATTA COLORI VIVACI CON CAMICIA

Qualora optaste per una cravatta dai toni accesi dovrete andare a bilanciare il tutto con una camicia dai toni basici per meglio evidenziare le qualità cromatiche della cravatta senza creare fastidiosi contrasti di colore. Ricordatevi che una cravatta dai toni vivaci e brillanti focalizza l’attenzione del vostro interlocutore su di essa, quindi il resto dell’outfit deve rimanere estremamente sobrio.

CRAVATTA FANTASIA CON CAMICIA

Cravatte a pois o micro pois
Una cravatta a puntini chiari su fondo scuro ben si staglia su una camicia bianca. Il pois micro o standard, con colori anche a contrasto con lo sfondo, può essere un’ottima abbinata con una camicia classica bianca.

Cravatte Fantasia Geometrica
Sono le cravatte in seta più diffuse e spesso hanno fantasie tono su tono, piccoli disegni ripetuti e realizzati con variazioni differenti dello stesso colore. Oppure all’interno del disegno hanno una palette colore che normalmente non va oltre i tre colori. Allora cosa fare? L’ideale sarebbe riuscire a individuare una cravatta fantasia che abbia all’interno del disegno una tonalità simile a quella dell’abito per meglio combinarsi con l’outfit. La camicia ideale può essere una camicia dai toni neutri o millerighe.

Cravatte Paisley
Si tratta del così detto motivo arabesque che varia di volta in volta e che include all’interno del disegno anche molte tonalità di colori per rendere la stampa più ricca. L’ideale per questa cravatta è scegliere una camicia bianca.

Cravatte Regimental
Cravatte con la tipica linea decorativa obliqua. Vi sono centinaia di varianti, abbinando righe più strette e più larghe insieme. I colori sono sempre piuttosto istituzionali come blu, verde, giallo, rosso. Facilmente abbinabile ad una camicia azzurra o bianca e ad abiti blu o grigi molto formali.

Come scegliere la cravatta in base alla corporatura

La cravatta è un accessorio che deve essere scelto con cautela in relazione alla corporatura di chi la indossa.

CORPORATURA NORMALE O MINUTA

Ad un uomo dalla costituzione esile che indossa un abito con vestibilità slim fit viene consigliata una cravatta stretta, normalmente intorno ai 6 cm. Per chi invece è piuttosto minuto e veste una taglia 44 o addirittura 42, può indossare una cravatta stretta 4 cm. In questo caso la cravatta slim o skinny (massimo 6 cm) deve essere abbinata a camicie con colletto non troppo grande, evitando di lasciare troppo spazio vuoto intorno al nodo. Il colletto ideale è il colletto all’Italiana, con punte più strette e vicine ideale per nodi piccoli. Quest’ultimo è il prediletto per gli outfit da business man.

CORPORATURA ROBUSTA

Per uomini dall’ampio torace o molto robusti si consiglia una cravatta con pala ampia almeno 8 cm.
La tipologia di nodo consigliato nel primo caso è un nodo semplice, mentre con una cravatta standard da 8 cm il nodo può essere semplice oppure più articolato, risultando abbastanza grosso da essere in proporzione con il collo e le spalle.
Con cravatte a pala larga la scelta del colletto della vostra camicia deve ricadere su un colletto alla Francese, caratterizzato da punte più aperte e distanti, perfetto per ospitare un nodo più importante o elaborato.

Come scegliere la cravatta in base all’occasione

Ogni occasione prevede che venga indossata una specifica cravatta abbinata ad una camicia in coordinato. Non fatevi cogliere impreparati scegliendo a caso dal vostro guardaroba.

FORMALE

Per le occasioni formali si consiglia di indossare assieme ad un bell’ abito su misura ed evitare colori sgargianti o fantasie troppo audaci, queste potrebbero sminuire la vostra autorità e autorevolezza facendovi apparire troppo alla mano o poco serio.
Per le riunioni di lavoro si preferisce optare per colori neutri, magari scegliendo un tessuto in seta che possa dare con la sua brillantezza un po’ di luce all’outfit. I colori più amati per le cravatte adatte nelle occasioni formali sono il blu, il nero, il malva, il grigio ed il bordeaux, in alcuni casi giocati anche in micro fantasie o righe molto fini tono su tono. La camicia in questo caso deve essere rigorosamente bianca, oppure virata in tonalità di azzurro molto chiaro. La camicia azzurra è l’accessorio che infonde fiducia per lo spettatore tanto da essere la scelta d’obbligo per le apparizioni televisive di politici ed economisti.

CASUAL

Le cravatte da utilizzare per le occasioni più casual possono essere quelle in maglia oppure quelle con fantasie più audaci (novelty ties), permettendovi di osare nei colori e negli accostamenti. Le cravatte in maglia, meglio se tinta unita o con micro pattern possono essere abbinate a camicie sia tinta unita che fantasia, piccoli quadretti, righe o spigate cercando di accostare simili nuance di colore piacevoli alla vista. Una cravatta in maglia bordeaux ad esempio può essere abbinata ad una camicia panna o griglia oppure a righe strette verdi. Se volete completare il vostro look casual, questo tipo di cravatta si sposa bene con un blazer ed un bel paio di chinos.

CERIMONIA

La cravatta per lo sposo uno degli accessori più caratterizzanti, talvolta sostituito dal papillon per i più audaci. Per chi volesse indossare una cravatta combinata all’outfit del suo matrimonio tenga presente che per le cerimonie diurne la cravatta va scelta nelle tonalità più chiare, come grigio perla, avorio, bianco, polvere e azzurrino in tessuti lucidi come la seta ed il raso. Per le cerimonie serali si può indossare una cravatta blu sempre scegliendo un tessuto lucido.
In alternativa alla cravatta, qualcuno preferisce indossare un plastron, una cravatta ampia con nodo goffrato già annodato. Quest’ultimo è l’accessorio corretto da abbinare ad un abito mezzo tight.
Quando il matrimonio prende una piega più giovanile, la possibilità di realizzare una cravatta con uno dei colori scelti per la cerimonia o per il bouquet renderà il vostro outfit ancora più attraente.
In ogni caso la camicia più indicata per lo sposo è quella bianca, nelle varianti tinta unita o micro trame impalpabili tono su tono sia in cotone che in seta.

Come scegliere la cravatta in base alla stagione

Come con l’abito, il tessuto è fondamentale per determinare se un abito sia estivo od invernale. La cravatta di conseguenza segue gli stessi dettami, per tessuto, colore e fantasie. Se la cravatta in seta è l’accessorio carry-over del vostro guardaroba, ovvero indossabile tutto l’anno, dovrete però sceglierla in relazione a colori che possono ben combinarsi tanto ad abiti estivi dai colori più chiari quanto ad abiti invernali dai colori più scuri.

CRAVATTA ESTIVA

Le cravatte indicate per essere combinate con gli outfit estivi, dai colori più chiari sono, oltre alle cravatte in seta con vivaci colori, le cravatte in lino o in cotone. La cravatta in lino e la cravatta in cotone possono essere una valida alternativa alle cravatte in seta o in fresco lana, seppur mantengano sempre un’accezione più casual. Quindi badate all’occasione e non abbinate abiti troppo formali ed eleganti con cravatte in lino o in cotone, ma piuttosto sceglietene una in seta.
La cravatta in lino o in cotone può essere facilmente inserita in outfit più casual come blazer o spezzati.
Le cravatte estive si differenziano dalle invernali anche per la palette colore più variegata, comprendente un po’ tutte le tonalità, sia in tinta unita che nella versione di micro fantasie.

CRAVATTA INVERNALE

I tessuti più indicati per una cravatta invernale è sicuramente il fresco lana o la maglia. Decisivi saranno i colori della cravatta, sia essa tinta unita o ravvivata da una fantasia, le tonalità si fanno più scure, come il verde diventa verde scuro, il giallo diventa senape e i toni lilla dell’estate diventano violacei.


5L’ impuntura, chiamata anche AMF, è uno speciale punto che decora i bordi del rever di una giacca su misura o di un abito sartoriale, includendo talvolta anche altre parti come taschini e pence in vita, oltre che le tasche del pantalone dell’abito completo uomo.

Questo elemento decorativo rende lampante la cura che vi è stata nella realizzazione dell’ abito facendo subito intuire l’alto valore di un capo.

Metodi di lavorazione

Ci sono due modi per realizzare l’impuntura: a mano o a macchina. Nelle tradizionali sartorie questa lavorazione viene fatta ancora a mano, impiegandoci un tempo nettamente superiore alla lavorazione realizzata con una speciale macchina, che dà il suo nome alla lavorazione: AMF (American Machine and Foundry). Molte sartorie negli ultimi anni hanno adottato questo metodo, essendo un macchinario che con un movimento molto lento riesce a creare punti perfetti identici a quelli realizzati a mano.

Essendo questa una lavorazione che impiega molto tempo questo è legato ad un costo maggiore e quindi relativo principalmente ad un abito su misura di qualità.

L’AMF oltre ad essere un elemento ornamentale del capo permette di mantenere la controfodera ben salda al tessuto esterno, rinforzandone i bordi, mantenendoli piatti ed evitando che si stropiccino.

AMF: per ogni occasione

Normalmente l’impuntura viene realizzata fra i e i 6 millimetri di distanza dai bordi sia con filo tono su tono rispetto al colore del tessuto dell’abito, sia a contrasto qualora lo si voglia sfoggiare con maggiore visibilità. Il tutto a discrezione del committente, tendendo conto che un’impuntura tono su tono risulta più indicata per un abito formale ed elegante, mentre quella a contrasto è più indicata per una giacca o blazer dai tratti più casual.

Al contrario per lo smoking sartoriale, avendo un inserto in raso sul rever, o sulla sua bordatura, non prevede vi sia una impuntura sul bavero. Possono esserci piccoli punti di cuciture tono su tono su tasche e taschini per impreziosirne la confezione, ma mantenendo il tutto estremamente sobrio e formale.

Un abito su misura o con taglio sartoriale non può esimersi dall’avere questo tratto caratteristico, sebbene sia una scelta arbitraria di chi si fa realizzare un abito su misura.


L’abito da sposo è forse per un uomo l’occasione più importante per coccolarsi e poter indossare un abito elegante che calzi a pennello. I modelli fra cui scegliere sono molteplici, in relazione alla tipologia di cerimonia che si andrà ad avere, più o meno formale.

Se si vuole optare per un abito da sposo elegante, un abito su misura magari, bisogna fare attenzione al calendario e capire con che timing riuscire a far tutto per tempo.

Che voi vogliate realizzare un abito da sposo: abito su misura più o meno tradizionale, un abito smoking o un mezzo tight, le tempistiche sono sempre le stesse per tutti.

IL PRIMO INCONTRO per il tuo abito da sposo: quattro mesi prima della cerimonia

Noi di May Faber ti consigliamo di farci visita nel nostro atelier sartoriale per il tuo abito da sposo almeno tre o quattro mesi prima della cerimonia, al fine di poter poi avere il tuo abito da sposo per tempo. Il periodo delle cerimonie è un momento di grande afflusso e per questo è meglio giocare d’anticipo.

Per quanto riguarda la tua prima visita potrai iniziare a famigliarizzare con l’approccio della sartoria su misura che ti permette di scegliere una modellistica da sviluppare con il tuo tessuto preferito.

IL SECONDO INCONTRO per il tuo abito da sposo: 3 mesi prima della cerimonia

Se durante la prima visita eri ancora titubante e volevi avere un po’ di tempo per pensarci, magari per confrontarti con la tua futura moglie sulle linee distintive del tuo abito da sposo puoi prenotare un secondo appuntamento presso il nostro atelier di May Faber.

Una volta rischiarate le idee sulla tipologia di cerimonia che si andrà a svolgere, sarà per voi più facile spiegare che tipologia di abito da sposo volete. Potrete fornire al personale di May Faber alcune informazioni preziose sui colori usati nel setting del matrimonio oppure temi trattati per l’allestimento dell’evento. In questo caso sarà più facile per le stylist riuscire a supportarvi nella scelta del tessuto e dei colori.

La scelta del tessuto per le cerimonie estive cade su tessuti estivi in fresco lana o misto lana e seta, mentre per le cerimonie autunnali la scelta ricade su fresco lana di media grammatura.

May Faber fornisce una vasta scelta di tessuti, ovviamente le nostre stylist sapranno guidarvi e consigliarvi al meglio.

Oltre al modello da sviluppare e al tessuto da scegliere dovrete poi scegliere ogni dettaglio del vostro abito su misura.

Durante la presa misure verranno prese sia le misure anatomiche che quelle del vostro drop in modo da poter realizzare un capo quanto più confortevole per la vostra corporatura.

IL TERZO INCONTRO per il tuo abito da sposo: 6 settimane dopo la presa misure

Il tuo abito da sposo ci metterà circa sei settimane per essere realizzato: nel frattempo saranno pronti anche gli altri capi che completeranno il tuo outfit, come la camicia, i gemelli, accessori come cravatta e papillon etc…

Nelle sei settimane di attesa avete un compito: procacciarvi le scarpe che indosserete al vostro matrimonio.

Vi consigliamo di presentarvi alla prova muniti di scarpe al fine di poter aggiustare al meglio la lunghezza del pantalone in relazione alla tipologia di scarpa acquistata.

Qualora non ci siano modifiche da realizzare l’abito da sposo è pronto per la consegna, potrete così metterlo nell’armadio in attesa del grande giorno.

Qualora invece ci siano piccoli interventi da realizzare il tutto si risolve con la consegna nel giro di una settimana o dieci giorni.

 


Spesso capita di avere davanti colleghi o clienti molto ben vestiti e di bell’aspetto, ai quali non riuscite proprio a staccare gli occhi da quel bellissimo abito che indossano e che gli calza a pennello. La domanda è lampante: sarà un abito su misura? In tal caso ne voglio anche io uno così, ma a chi rivolgersi e da cosa si deduce se un abito è su misura o meno?

PARTIAMO DAL TESSUTO

Innanzitutto per riconoscere se un abito è su misura, partiamo dal tessuto, i tessuti sartoriali impiegati per la realizzazione di abiti da uomo su misura sono molto spesso più preziosi dei soliti in commercio nella grande distribuzione. La loro finezza e leggerezza li fa apparire ancora più avvolgenti e strutturati rispetto ad altri.

OCCHIO ALLE MISURE

I dettagli che dobbiamo rintracciare su un abito per capire se un abito è su misura sono legati al fitting: ovvero come calza l’abito sul corpo di chi lo indossa. A seconda della corporatura più o meno slanciata di chi sfoggia un abito su misura si adotta un drop differente.

Che cosa si intente per drop?

Per drop si intende, la differenza fra la circonferenza di vita e torace che ci può essere fra un cartamodello e l’altro a parità di taglia. Ovvero, un uomo con un’ipotetica taglia 52 può avere una circonferenza di torace più stretta rispetto ad un altro con una pancia più prominente. Nel primo caso quindi si adotterà un drop più slim, ovvero un drop 7 o 8, più avvolgente sui fianchi, evidenziando un torace scolpito con spalle ampie. Nel secondo caso, per chi ha un po’ di pancetta si realizzerà il cartamodello dell’abito basato su un drop 6 o in relazione alla circonferenza del torace.

Quindi è sicuramente il modo in cui la giacca cade sulle spalle e avvolge la vita che al primo sguardo un abito appare su misura. Importantissimo è anche la possibilità di allacciare i bottoni della giacca all’occorrenza.

Oltre alle circonferenze si deve dare uno sguardo anche alle lunghezze: le maniche della giacca non devono essere nè troppo lunghe nè troppo corte. Ovvero essere un centimetro più corte della manica della camicia per far intravedere il polsino. Mentre la giacca deve essere abbastanza lunga da terminare sotto il fondo schiena.

Parametri di un pantalone su misura

Un pantalone su misura deve avere sicuramente il pregio di fasciare bene i fianchi senza far aprire le tasche altrimenti significa che il pantalone è troppo stretto in vita.

La lunghezza del pantalone è importantissima, ma varia in relazione a come uno ama vedere il fondo del pantalone. Alcuni amano il pantalone classico che fa una mezza piega d’appoggio sulla parte frontale della scarpa, è una lunghezza dal carattere piuttosto tradizionale; altri invece vogliono che il fondo pantalone termini a filo con l’inizio della scarpa, non avendo paura di mostrare il calzino nel momento in cui si cammina e la gamba è in movimento.

UNO SGUARDO AI DETTAGLI: LE IMPUNTURE

Un osservatore più scaltro potrebbe poi cogliere altri dettagli non del tutto trascurabili relativi alla confezione del capo. Ad esempio le così dette impunture, ovvero dei segni di cucitura che possono correre lungo i bordi di rever e taschini.

IL NOME RICAMATO

Un abito su misura May Faber riporta sulla fodera il ricamo del nome e cognome del proprietario oppure le sue iniziali. Potendo sbirciare una giacca anche nella parte interna, potreste scorgere un ricamo realizzato con filo a contrasto rispetto alla fodera che mostra che il capo è stato fatto apposta per una specifica persona. Questo è l’elemento chiave per un abito bespoke.

QUANTO COSTA UN ABITO SU MISURA?

Negli ultimi anni il su misura dei laboratori sartoriali sta riscontrando una nuova rinascita, aumentando la richiesta di capi sartoriali e personalizzati.

Mediamente un abito su misura di buona qualità presso May Faber si aggira fra i 600€ e i 700€, potendo scegliere fra una vasta quantità di tessuti sartoriali, suddivisi per stagioni, colori e fantasie. Non mancheranno i consigli dei nostri stylist per guidarvi nella scelta dei dettagli del vostro abito su misura, da scegliere in relazione all’occasione d’uso del vostro abito su misura.

 


Continuano gli appuntamenti con la May Faber Experience, uno speciale trattamento barber a coronamento di una esperienza d’acquisto di capi su misura.
A tal proposito abbiamo intervistato Giovanni Cibin , hairstylist professionista, co-fondatore di Italian Style Factory e barber ufficiale di Proraso.

”L’appuntamento con la Giornata May Faber Experience sarà Domenica 12 Maggio presso l’atelier May Faber di via Canonica angolo via G. Prina 1”

Nelle ultime stagioni la barba ha spopolato e talvolta stravolto i look maschili. Quali sono i trend per la stagione primavera-estate 2019?

Già dallo scorso anno la moda maschile propone visi puliti o quasi glabri decisamente in controtendenza rispetto agli ultimi 8 anni dove la barba ha dominato le pagine delle riviste più patinate. Come hanno anticipato dalle passerelle di Milano, New York e Londra la barba si vedrà sempre meno lasciando spazio a look più puliti ma la tendenza sarà sicuramente il baffo. Ovviamente queste sono le tendenze moda e come sappiamo ci vorranno altri 2/3 anni prima che prendano piede… per adesso sono i più modaioli, ad aver già adottato questo nuovo look.

Quale sono i dettagli a cui un uomo deve badare per essere sempre impeccabile?

La cura del corpo è fondamentale ma ci sono alcune cose che una donna (o il nostro interlocutore ) nota subito su di uomo… mani, scarpe e le bretelle. Sicuramente le mani curate e delle scarpe tenute bene sono il miglior biglietto da visita, ma le bretelle danno quel tocco di carattere in più… quel savoir-faire che ultimamente è andato un po’ a scemare.

Ci sono nuovi trattamenti nel panorama barber?

In linea con la stagione e la temperatura si possono trovare diverse proposte e approcci al mondo della barba questo serve per differenziare il servizio e far provare al cliente una vera e propria experience, come la May Faber Experience 30 minuti di coccole accompagnate da panni caldi , aroma terapia, oli essenziali e perché no una degustazione di un distillato scelto in funzione della fragranza di acqua di colonia…un vero e proprio momento di relax…il lusso di prendersi del tempo.

Per concludere, tre segreti per una barba sempre perfetta: ottimi prodotti, il giusto tempo e volersi bene…