Se il 2019 vi farò dire il fatidico ‘sì’ Gennaio è il momento in cui ci si deve mettere all’opera con la scelta del proprio abito da sposo.

I trend sposo 2019 sono molteplici ma dobbiamo pur sempre ricordarci che dovrete fare coppia con l’abito della vostra futura dolce metà. L’ ideale è arrivare in atelier con qualche dritta impartita dalla sposa, sulla scelta del colore dell’abito o sulla scelta del colore degli accessori, magari in linea con il tema della cerimonia o con un tocco di colore dell’abito della sposa.

I trend per la sposa 2019, vedono ancora i tradizionali abiti a sirena, con bustier o da principessa, ma la vera innovazione è il colore. Ebbene sì la sposa 2019 potrebbe osare con tocchi di colore pastello nel suo abito come da ispirazione di Vera Wang e Vivienne Westwood Couture.

L’uomo per sua natura resta sempre più nei ranghi provando a giocare con piccoli tocchi di colore in tinte tenui che possono essere di richiamo alla sposa.

Se si sceglie di fare un abito su misura si potrà optare per creare un look sia sobrio ed elegante,  piuttosto che decisamente sopra le righe per i più eclettici, scegliendo tessuti a contrasto da abbinare. In ogni caso bisogna giocare d’anticipo per non ridursi all’ultimo. Normalmente per un abito su misura ci vogliono quattro settimane per la confezione, oltre alla successiva prova. Ovviamente più rimanderete l’appuntamento in atelier più i tempi di confezionamento potrebbero allungarsi!

Se l’abito lo si vuole riutilizzare per occasioni importanti si può optare per un abito blu, con due gilet: uno griglio o azzurro e l’altro blu tono su tono come l’abito. Entrambe le opzioni sono indossabili anche durante le due fasi del matrimonio: tono su tono con cravatta grigia per la funzione (laica o religiosa) e a contrasto con papillon per il party.

Sì a colori chiari come il verde oliva e l’azzurro carta di zucchero. In alcuni casi per i più estremi viene proposto lo smoking nero con una camicia anch’essa nera tono su tono per i festeggiamenti serali.

In termini di modelli la giacca coreana resta la più grintosa e gettonata per i matrimoni meno convenzionali sia essa con o senza bottoni, mentre il rever sciallato fa si che l’abito acquisisca un carattere classico ed elegante.

Non vi resta che prendere un appuntamento e iniziare a comporre il vostro outfit!

 

 

 

 

 

 


Natale è alle porte e l’ultimo week-end prima del 25 prevede il rush finale nella corsa ai regali.

Per chi si è ridotto all’ultimo o per chi deve completare gli acquisti iniziati con il Black Friday, ecco una guida che vi corre in aiuto per le situazioni irrisolte.
Iniziamo con l’identificare il vostro bersaglio: chi dovete stupire? Abbiamo profilato alcune personalità ad ognuna delle quali abbiamo trovato il regalo più adatto.

IL CREATIVO
Personalità denotata da una spiccata originalità…forse a volte anche troppo! Correte voi ai ripari regalandogli un papillon unico e divertente ma pur sempre di buon gusto, prima che si palesi al party di fine anno con un outifit shock!

LO SGARGIANTE
Classica attitude milanese, con un fare piuttosto sopra le righe della serie: ghe pensi mi. Proponiamo una selezione di bretelle opzionabili in vari colori a seconda dei gusti. Un accessorio che denota carattere e stravaganza allo stesso tempo.

Disponibili solo in store

L’ INGEGNERE
Non necessariamente dotato di corona d’alloro, ma sicuramente un tipo inquadrato. Veste normalmente l’abito formale per lavoro, ma talvolta mostra segni di daltonismo con la cravatta…pensateci voi e salvatelo da possibili risatine durante un meeting di lavoro.


Disponibili solo in store

IL BARBA
Da quando ha scoperto che la barba era di moda e che per di più gli donava ha deciso di non abbandonarla più… una box con prodotti Proraso per barba e capelli (se ne ha ancora) lo renderanno felicissimo!


Disponibili solo in store

L’ INTERNATIONAL
Si esprime con termini tecnici ed esterismi sia sul lavoro che alle riunioni condominiali, lasciando la sciura del terzo piano confusa dalla sua arringa in italienglish.
Ama il suo lavoro per cui si sposta da una parte all’altra della città, da un cliente all’altro. 02. è l’accessorio perfetto. Si tratta di uno zaino artigianale dai tratti minimal, in vera pelle con all’interno una cartelletta estraibile pensata per gli gli appuntamenti di lavoro.

IL VIZIATO
Che sia un fidanzato, un marito o un figlio, lui è quello che fra tutti deve avere il regalo più figo sotto l’albero. Pensate ad un regalo che non includa un semplice prodotto ma anche una barber experience

L’INCONTENTABILE
Ogni anno con lui è un enigma, dice che non ha mai bisogno di niente ma il suo guardaroba manda segnali di S.O.S alla NASA. Optate per una gift card, il personale di May Faber vedrà di aiutarlo nella scelta del giusto capo per lui.

L’INTROVERSO
È il classico zio o cognato che una volta arrivato al pranzo di Natale colonizza una postazione del divano e non la lascia più se non per spostarsi a tavola. Felice di stare con parenti e amici lo si sente parlare solo dopo qualche bicchiere di vino…Per lui una cintura su misura semplice ma elegante lo lusingherà!

Il count down per i regali di Natale è iniziato: da May Faber troverete camicie, abiti, accessori e molto altro per l’uomo contemporaneo.

 

 


C’è un nuovo arrivato in May Faber, ‘02.’ non un semplice zaino ma l’ accessorio perfetto per il metropolitan traveller.

La presentazione di 02. si terrà questo Giovedì 29 Novembre 2018 alle 18.00 presso May Faber in via Canonica angolo via G. Prina.

All’evento ci sarà la designer Martina Medail che ha disegnato questo accessorio per May Faber. Durante la serata degustazione di vino della cantina Le Sincette.

02. è un prodotto interamente artigianale, made in Italy ed in vera pelle. L’ispirazione per il suo design nasce dalla necessità di realizzare un accessorio elegante e di tendenza che si adatti perfettamente sia a contesti formali della vita da businessman che a situazioni più casual. Le linee sobrie e bilanciate sono state studiate per esaltarne la silhouette minimale e raffinata. Oltre all’aspetto estetico, è stata data particolare attenzione anche al lato pratico, prevedendo spallacci rimovibili e una cartella porta documenti estraibile.

L’accessorio perfetto per il metropolitan traveller, colui che vive la città quotidianamente spostandosi da un punto all’altro del circuito urbano, per lavoro o per piacere, ma sempre sfoggiando stile in ogni situazione.

Per avere una preview di 02. approfittate dell’ evento di Giovedì 29 Novembre.


“Movember” è il mese dedicato agli uomini e alla salute maschile, Novembre infatti cambia nome per raccogliere fondi e sensibilizzare sulla lotta al cancro alla prostata.

May Faber in collaborazione con Proraso (brand storico e partner dell’iniziativa, da sempre votato alla cura di barba e mustacchi) supporta la Movember Foundation omaggiando alla propria clientela la May Faber Experience per celebrare la conclusione di Novembre.

Hipster o no DOMENICA 25 Novembre siete invitati a diventare “MoBro” e a supportare i progetti della Movember Foundation con un bel paio di baffi, perché il simbolo di virilità per eccellenza è diventato anche il simbolo della campagna.

Vi accoglieremo col sorriso presso il nostro store di Via Canonica angolo Via Prina a Milano, vi accomoderete su una comodissima poltrona in pelle, vi rilasserete e sarete coccolati da panni caldi, balsami, olii e mani esperte che modellano, radono o semplicemente rifiniscono.

Per fissare un appuntamento contattateci telefonicamente al 3248873665.

 


Quante volte nello scegliere una camicia vi siete chiesti quale possa essere quella più adatta a voi? Decine i dubbi su le proprie scelte, ‘saranno appropriate per l’occasione? Apparirò all’altezza di chi mi sta affianco?’

Innanzitutto iniziamo a individuare la camicia come un capo fondamentale nel guardaroba di un uomo. I più attenti allo stile vantano un folto assortimento di camicie dalle più classiche a quelle sportive; ma cosa determina se una camicia è elegante o sportiva?

Facendo un passo indietro dobbiamo rintracciare la presenza delle prime camicie fra la biancheria intima dell’uomo del XVII secolo. All’epoca era un indumento utilizzato per separare la pelle dal tessuto dei vestiti e il colletto aveva una forma alla coreana mentre le maniche erano a tre-quarti. Col tempo la camicia ha modificato le sue fattezze soprattutto per quanto riguarda il colletto che si è fatto più allungato verso il basso. Si afferma così nel tempo come emblema di eleganza fra i nobili.
La camicia come la conosciamo oggi è un pezzo caratterizzante l’outfit di un uomo, c’è chi predilige le fantasie e chi è più classico, in ogni modo ogni dettaglio ci parla di lui.

A scanso d’equivoci il vero fattore chiave della qualità di una camicia oltre alla confezione e al fitting perfetto e agevole è sicuramente la qualità del tessuto. Ci sono differenti tipologie di tessuti e per questo vi invitiamo a leggere la nostra guida ai filati per la camicia su misura.

IL COLLETTO
Considerando i principali modelli distinguiamo subito il colletto italiano, con punte più allungate ed eleganti dal colletto francese, più aperto e sportivo. Ad oggi il taglio minimal e asciutto degli abiti fa si che l’uomo contemporaneo prediliga il colletto alla francese.

In entrambe i casi comunque la cravatta si sposa bene sia con un modello che con l’altro.

Ci sono poi presso May Faber una varia selezione di colletti da scegliere in relazione alla lunghezza e circonferenza del vostro collo. Il personale in negozio sarà in grado di indicarvi quello più adatto a voi. Colli molto lunghi devono essere parzialmente coperti mentre per chi non vanta un collo slanciato è meglio che opti per un colletto più basso.

Per le camicie più casual il trend è quello di scegliere colletti molto bassi e talvolta stondati con un’ accezione più vintage.

Lo smoking richiama invece il così detto colletto diplomatico, mentre il colletto botton-down (con bottone) è più adatto a camicie sportive con fantasia scozzese o vichy per un look più casual.

I POLSINI
Il polsino più elegante è sicuramente il polsino con gemello, talvolta molto ingombrante però e piuttosto pomposo. Niente paura da May Faber disponiamo di polsini con gemello senza risvolto al fine di poter rendere più comodo lo slittare del polsino sotto la giacca.

Altre opzioni sono il polsino tondo perfetto da combinare con un colletto stondato e il polsino più squadrato. Il polsino retto ha una immagine più rifinita e minimal, molto in voga ai nostri giorni.

LE CIFRE
Le iniziali sulla camicia sono il tratto distintivo di una confezione dedicata e su misura. Poter sceglier le iniziali non è un dettaglio trascurabile. Su una camicia bianca l’attuale trend è di farle tono su tono, oppure perla o grigie. Sono però permessi anche altri colori che possono ravvivare la camicia, come il rosa e il bordeaux oppure colori blu o grigi per combinarsi con il colore dell’abito che uno indosserà.

La posizione del monogramma ricamato sulla camicia è fondamentale, il bon ton bandisce quello sul colletto, ma chiude un occhio per quello posizionato sul polsino, più appariscente.

Di solito si ricama sul lato sinistro della camicia, fra il quinto e il sesto bottone, oppure tra il quarto e il quinto (sempre contando dall’alto), a una distanza di 6,5/7 centimetri dall’abbottonatura. Questa posizione riflette l’antico uso “privato” delle iniziali, che non dovrebbero essere visibili sotto la giacca.

L’ABBOTTONATURA
L’abbottonatura davanti può prevedere il cannoncino ovvero essere a vista e avere delle cuciture laterali oppure semplicemente risvoltata. Per le camicie più eleganti si deve optare per un’abbottonatura nascosta perfetta per indossare un papillon.

LE CUCITURE
Le cuciture sono importanti, devono essere ben fatte e resistenti, non essere grossolane o lasciare fili che fuori escano.
Dettaglio che denota una maggior cura nella confezione è la presenza della cosidetta mosca, un triangolino di tessuto risvoltato al termine delle cuciture laterali al termine della vita.

Prova una camicia su misura May Faber o personalizzane una e ricevila a casa.


L’aria si sta facendo più frizzante il mattino, l’autunno è arrivato e con se porta nuovi colori al nostro panorama urbano. Per non farvi prendere alla sprovvista dal freddo, questo è il momento giusto per scegliere un nuovo cappotto per la stagione invernale, e perché no? Magari un cappotto su misura!

Allora mettete in agenda per questa settimana un double check del guardaroba, fra cappotti, piumini e giacche a vento… May Faber quest’anno vanta una collezione di modelli veramente vasta, per modelli e per tessuti.

La stagione prevede proposte classiche come il cappotto a mezza coscia, o al ginocchio, per le occasioni più formali. Ma anche modelli caban (modello corto, doppio petto) da utilizzare anche per il tempo libero. Rever ampi da sollevare in caso di vento, oppure molto stretti se si è per un look minimal, questi sono tutti dettagli che si possono scegliere in relazione alle vostre esigenze.

Fra i tessuti, la proposta è quanto più ampia in termini di colori, pattern e pesi della lana. Seguendo i trend più attuali della FW18 dovrete cedere al fascino delle macro fantasie, i maxi check (Principe Di Galles ampio) e dei quadri. Per i meno audaci potete optare per un abito tinta unita, sulle colorazioni del grigio antracite, marrone o cammello. Sì al cappotto gessato largo che richiama le vestaglie dai lord per i più eccentrici.

Piccolo gioiello fra le nostre proposte di tessuti è il panno impermeabile con il quel poter realizzare un montgomery da poter usare anche con lo scooter e un piumino 100gr di rinforzo sotto per i più freddolosi.

May Faber vi invita in negozio per poter realizzare il vostro personalissimo cappotto dei sogni. Un cappotto su misura prevede la giusta lunghezza ad ogni corporatura soprattutto sulle maniche. Se invece non siete ancora pronti per un cappotto su misura potrete scegliere fra una selezione di cappotti già realizzati.